Archivio mensile:novembre 2013

Pressano pronto alla sfida finlandese

Challenge Cup LogoVenerdì si parte: la Pallamano Pressano CR Lavis si appresta a vivere la seconda esperienza internazionale della propria storia. Dopo mesi di preparativi ed attesa, finalmente è giunta l’ora di giocare i sedicesimi di finale di Challenge Cup, dopo l’esordio in campo europeo dello scorso anno (Ottavi di Finale contro SKA Minsk). Gli avversari, come già stabilito dal sorteggio avvenuto lo scorso agosto, saranno i Campioni di Finlandia del Riihimäen Cocks, squadra della cittadina di Riihimäki, 30mila abitanti 60km a nord della capitale Helsinki. Una società con una grande tradizione di pallamano ed un fiorente settore giovanile: gli anni d’oro della squadra sono arrivati tra il 2007 ed il 2009 con tre apparizioni europee consecutive. Poi un paio di stagioni ridimensionate ed ora un nuovo progetto ambizioso con una squadra ben strutturata che punta a vincere tutto a livello nazionale ben figurando in campo europeo nel quarantesimo anno di fondazione. Difficile valutare il reale potenziale di questi avversari: unico termine di paragone sono gli incontri che i finlandesi hanno disputato nel campionato della regione Baltica contro lo SKA Minsk, avversario di Pressano lo scorso anno. Sempre sconfitti dai bielorussi, i finlandesi si presentano comunque come squadra ben organizzata: rosa di 22 giocatori le cui età spaziano dai 16 ai 36 anni con una media totale di 24 anni e ben 7 stranieri in squadra. Tanti elementi di esperienza ed un numero consistente di giovani che andranno così a comporre la squadra avversaria dei gialloneri. Entrambi i match, andata e ritorno, si giocheranno in Finlandia nel giro di un weekend su accordo delle due società: ecco le sensazioni dalla Scandinavia.”Non vediamo l’ora – commenta Jaakko Horelli, viceallenatore e responsabile del settore giovanile – di scendere in campo per questa esperienza europea. È dal 2008 che non giochiamo in Europa e penso che questo elemento sarà motivo in più per fare bene sia per i giocatori che per lo staff. La nostra speranza è di riempire il palazzetto in tutte e due le partite ed offrire al nostro pubblico pallamano di qualità. Per quanto riguarda il match, penso che sarà un duello molto tosto: non abbiamo studiato moltissimo i nostri avversari del Pressano e dunque sarà fondamentale giocare partita per partita sempre al massimo. Il nostro obiettivo stagionale è quello di vincere tutte le partite: questo target è già stato macchiato da qualche sconfitta in campionato ma noi scendiamo in campo sempre e solo per vincere, nell’ottica di trionfare in tutte le competizioni nazionali a cui partecipiamo, facendo bene anche in Challenge Cup“.

            Un team determinato dunque che Pressano dovrà affrontare al massimo della concentrazione e della forma: sulle spalle giallonere ci sarà il viaggio ed il fattore campo a sfavore ma l’imprevedibilità sarà l’arma principale per tentare il colpaccio. Gli occhi di tutta la nazione saranno puntati dunque su Giongo e compagni: unica squadra maschile iscritta alle competizioni europee quest’anno e, ad oggi, unica italiana rimasta in gioco in Europa, Pressano avrà sulle spalle un onere ed un grande onore. Spetterà al campo dare una risposta: gli appuntamenti sono per sabato e domenica. Le partite si giocheranno entrambe alle ore 16.00 finlandesi (ore 15.00 italiane) e saranno visibili in diretta streaming al link: http://www.livestream.com/turvakolmio/ . Arbitra la coppia austriaca Hofer-Schmidhuber in entrambe le occasioni, delegato EHF l’estone Sitsi.

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pressano annienta Cologne e vola in Coppa Italia

Vince e convince ancora la Pallamano Pressano CR Lavis. Dopo le belle prestazioni conSampaolo parata vs bozen Bressanone e Mezzocorona nelle scorse settimane, i gialloneri dimostrano continuità e sembrano essere ripartiti: vittima di questa giornata, l’ultima di andata, è il Metelli Cologne, giovane squadra bresciana che ha tenuto per 15 minuti l’impeto dei ragazzi di Dumnic. Ne esce un 37-25 che poteva risultare più pesante, considerato il +18 toccato da Pressano a 7 minuti dalla fine. Con questi tre punti la squadra giallonera si issa al terzo posto e si qualifica alla Final Eight di Coppa Italia come seconda miglior terza. Partita divertente al Palavis: in avvio sbloccano i padroni di casa con Di Maggio ma qualche errore permette a Cologne di restare in corsa: le due difese entrano in campo con l’approccio sbagliato ed ecco che per i primi arriva una pioggia di reti. I due stranieri, Silva da una parte ed Alvarez dall’altra, sono i trascinatori con le botte da fuori, tanto che dopo appena 15′ è già 11-11. Di qui le cose cambiano: Pressano comincia a far emergere le proprie qualità e costruisce 3 reti di vantaggio. Dal 16-14 a 5 minuti dal termine del primo tempo, Pressano giganteggia e con una serie di contropiedi perfetti scaturiti da una difesa efficiente, rinvigorita dall’entrata in campo del classe ’95 Franceschini, piazza un netto 5-0 che porta tutto sul rassicurante 21-14 di fine primo tempo.

La vera differenza però la fanno i primi 10 minuti del secondo tempo: Cologne finisce la benzina e va in bambola. Ne approfittano i gialloneri che nel momento giusto riescono a giocare nel modo migliore: con una difesa perfetta ed un Sampaolo paratutto, i gialloneri piazzano un pesantissimo parziale di 9-1 che spezza le gambe ai bresciani ospiti e che sommato agli ultimi minuti del primo tempo fa 14-1. Scalia chiama timeout ma gli ospiti non si scuotono: senza idee e colpiti nel segno, Riccardi e compagnia non reagiscono e per Pressano è gioco facile: entrano tutti i giovani ed il Palavis si diverte; si assiste ad un monologo dei padroni di casa, soprattutto quando Dallago e compagni toccano il clamoroso +18 sul 37-19 grazie a continui contropiedi che fanno girare la testa agli avversari. Appagati, negli ultimi minuti i ragazzi di Dumnic mollano la presa e Cologne spinge per evitare la figuraccia, piazzando un controbreak di 0-6 che porta tutto sul 37-25 finale ma non cambia la sostanza della partita. Tre punti che fanno volare Pressano in Coppa Italia (in programma a fine gennaio): ora c’è l’impegno europeo contro il Cocks e poi una serie importante di scontri diretti. La cosa sicura è che Pressano è tornata, eccome. 

h 19:00 | Pressano – Metelli Cologne 37-25 (p.t. 21-14)

Pressano: Martinati, Bolognani 5, Chistè W, Chistè D. 1, D’Antino 2, Di Maggio 7, Sampaolo, Giongo 3, Franceschini, Opalic, Dallago 6, Alessandrini 3, Da Silva 8, Moser M. 2. All: Branko Dumnic

Metelli Cologne: Mercandelli 1, Foglia 1, Pedercini, Monciardini, Riccardi 4, Barbariga, Piantoni, Sirani, Riello 6, Alvarez 7, Alessandrini 1, Frassine 1, Soldi 4, Ferlaino. All: Gaspare Scalia

Arbitri: Moro – Russo

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pressano, al Palavis arriva il Cologne: obiettivo Coppa Italia

Alessandrini tiro vs MezzocoronaVincere per il colpaccio: si riaprono le strade della vittoria per la Pallamano Pressano CR Lavis. Nella tana del Palavis, questa sera, arriva il Cologne (BS) per un match che vale molto di più di tre punti: in virtù dell’harakiri avvenuto sabato scorso nel Girone C, in concomitanza con la vittoria gialloner nel derby, Pressano ha ora in mano l’accesso alla Coppa Italia. Si qualificano le prime e le seconde dei tre gironi più le due migliori terze, costituendo una Final Eight che andrà in scena a fine gennaio: alla Pallamano Pressano basterà vincere questa sera per risultare come seconda migliore terza e qualificarsi così all’illustre manifestazione. Match di grande peso dunque quello in terra trentina: i vicecampioni d’Italia arrivano all’appuntamento con la carica giusta. La vittoria schiacciante contro Mezzocorona sabato scorso ha dato una bella iniezione di fiducia che potrebbe fare da rampa di lancio per un nuovo inizio dopo un avvio di campionato difficile. Ancora qualche piccolo acciacco in casa Pressano ma in campo, oggi, i gialloneri saranno al completo: tutti, uniti, per cercare tre punti fondamentali prima di un periodo di fuoco. In programma nelle settimane immediatamente successive ci sono infatti la Challenge Cup ed il doppio scontro diretto con Trieste e Bolzano del 7 e 14 dicembre. Importantissimo dunque non scomporsi e mantenere la linea positiva espressa nelle ultime uscite: la squadra inizia a girare a dovere ed ecco che, quando Pressano gioca, per gli avversari è difficile imporsi.

Di fronte a Giongo e compagni, questa sera, ci sarà una sfida particolare: Cologne, neopromossa e giovane squadra, presenta una squadra composta prevalentemente da freschi atleti lombardi e fa dell’intesa e della velocità il proprio punto di forza. La classe del terzino destro straniero Alvarez dà poi quel tocco in più che rende Cologne pericolosa per chiunque, nonostante la penultima posizione ottenuta fino ad ora in classifica. Vietato abbassare la guardia: gli avversari bresciani non sono da sottovalutare; servirà la maggiore concentrazione per offrire il gioco espresso sabato a Mezzocorona, con una difesa efficace e veloce nell’arginare le rapide iniziative ospiti. Nelle file di mister Scalia, inoltre, mancherà Parisini, colonna della squadra, appiedato dal giudice sportivo per 4 giornate. Pressano dovrà essere abile a sfruttare i punti deboli degli avversari per confermarsi superiore ed agganciare il terzo posto in classifica. Parola al parquet del sempre caloroso Palavis, a partire dalle ore 19.00: arbitra la coppia Moro-Russo.

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pressano stravince il derby e punta alla Coppa Italia

Il derby è ancora giallonero. Al Palafornai di Mezzocorona, nella supersfida dell’ottava giornataBolognani sopra il muro tra i padroni di casa rotaliani e la Pallamano Pressano CR Lavis, sono gli ospiti a dettar legge. Giongo e compagni superano le incognite della vigilia e soprattutto il brutto avvio di stagione mettendo in campo una prestazione maiuscola contro un’avversaria temibilissima. Match emozionante ma sempre condotto dai gialloneri, abili a bucare alla grande la difesa di casa: un Mezzocorona spento, dall’altra parte, ha vissuto la classica giornata no, complice il serio infortunio accorso al capitano Manna dopo appena 7 minuti di gioco. Partita vera, maschia e veloce: alla fine ha la meglio l’organizzazione dei ragazzi di Dumnic, che trovano tutto in attacco e tengono alla grande in difesa, schiantando l’avversaria con il sonoro 26-37 del sessantesimo. Protagonisti della serata sono i pressanotti “doc”, accompagnati da un Di Maggio in continua crescita ed infallibile dai sette metri: dall’altra parte la classe di Manica e Kovacic non è bastata per recuperare un match che già dopo 30′ stava sfuggendo di mano ai locali. In avvio il primo gol è dei padroni di casa dopo una palla persa da Pressano ma ben presto i ragazzi di Dumnic rispondono alla grande con l’arma del contropiede ed è 1-4; passano pochi minuti però e i ragazzi di Rizzi pareggiano. A questo punto ecco l’episodio: Manna salta per recuperare un pallone ma atterra male, infortunandosi. L’ala destra di casa è out per tutto il match e Pressano approfitta della scossa per riportarsi avanti di 4 reti: un attacco finalmente ritrovato riesce a penetrare la difesa gialloverde, finalizzando poi alla grande davanti ad Amendolagine, nonostante qualche palla persa. Mezzocorona risponde con i tiri di Manica e Kovacic ma ad avere la meglio è soprattutto la coriacea difesa giallonera, abile ad arginare i tentativi di casa, permettendo a Pressano di incrementare il gap proprio nel finale del primo tempo sul 12-19.

Nei primi minuti della ripresa i gialloneri sono bravi a non farsi schiacciare dalla voglia di rimonta dei locali: con ottime soluzioni, l’attacco giallonero continua a tartassare Amendolagine, facendo corona ad una difesa sempre attenta e capitanata dalla saracinesca Sampaolo tra i pali. A Pressano funziona tutto ma per un frangente quanto costruito sembra poter svanire: Mezzocorona torna a -6 dopo il -8 raggiunto e Dallago subisce il rosso per somma di esclusioni. È il colpo di scena che potrebbe ribaltare il tavolo ma con saggezza e con tanta classe i gialloneri rispondono alla difesa aggressiva schierata da Rizzi con belle e veloci trame offensive. Per Mezzocorona è Kovacic a tenere il divario sul -7/-8 ma è sempre la difesa ospite a tenere banco: il tempo scorre a favore giallonero ed un mezzo scoraggiato molla la presa negli ultimi minuti, chiudendo con un passivo di 11 reti. Ora Pressano riapre la questione secondo posto grazie alla sconfitta del Trieste a Bressanone ed ha in mano l’accesso alla Coppa Italia, considerata la clamorosa debacle del Fondi a Siracusa: basterà vincere sabato in casa con Cologne per accedere alla manifestazione.

h 20:30 | Metallsider Mezzocorona – Pressano 26-37 (p.t. 12-19)


Metallsider Mezzocorona: Kadkhoda, Stocchetti, Rossi, Boninsegna 4, Manna, Moser M. 1, Pedron 1, Manica 7, Varner, Alessandrini M, Kovacic 11, Moser P, Folgheraiter 2, Amendolagine. All: Marcello Rizzi

Pressano: Martinati, Bolognani 4, Chisté W, Chisté D, D’Antino, Di Maggio 9, Sampaolo, Moser N, Giongo 7, Franceschini, Opalic 2, Dallago 3, Alessandrini A. 7, Da Silva 5. All: Branko Dumnic

Arbitri: Alperan – Scevola

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pressano, il derby per risalire la china

È un derby dal sapore particolare quello che andrà in scena questa sera al Palasport diLogo Pressano Mezzocorona tra Mezzocorona e Pressano. Per i gialloneri, al di là del significato che il derby da sempre esprime, sarà una partita-verità. Dopo il difficile avvio di stagione, Pressano si deve ora misurare contro una formazione che ha sempre dato filo da torcere: a questo si aggiunge il fattore campo, a favore dei rotaliani, che hanno saputo mettere in campo grandi prestazioni tra le mura amiche. Per i ragazzi di Dumnic, anche in questa occasione al completo, non sarà facile: il centrale Chistè è in ripresa dall’infortunio patito la scorsa settimana ed il clima dopo la bella vittoria sul Bressanone, è ottimo in casa giallonera. I mezzi per ottenere l’intera posta in palio ci sono: servirà una grande prestazione per portare a casa la vittoria e soprattutto per sopraffare la voglia di riscatto dei draghi di Rizzi, a secco da vittorie nei derby da quasi cinque anni. Nonostante tutto, il Palasport di Mezzocorona ha un velo di difficoltà che Giongo e compagni hanno patito soprattutto nelle ultime due stagioni: nella massima serie, sia due anni fa che lo scorso anno i gialloneri hanno sì vinto a Mezzocorona ma solo dopo i rigori in entrambe le occasioni.

Questo dimostra la grinta che la veloce ed affiatata squadra rotaliana mette in campo davanti al proprio pubblico: la qualità di Kovacic, accompagnata dall’esperienza di Manica e Boninsegna con la coriacea difesa coronata da un Amendolagine in stato di grazia tra i pali saranno punti fissi di un match che Pressano dovrà vincere lottando fino alla fine. In palio c’è la risalita verso le posizioni che contano: una vittoria proietterebbe i gialloneri in quarta posizione con la terza piazza a tiro nell’ultima giornata che vorrebbe dire possibile qualificazione alla Coppa Italia. Sarà dunque un derby denso di motivazioni e di alta qualità: lo spettacolo, oltre che in campo, sarà sulle tribune dove le due fazioni faranno da ottavo uomo in campo per trascinare i propri beniamini verso il successo. Si parte alle 20.30 dal 40×20 di Mezzocorona per le emozioni di un derby che vale molto di più di un semplice match di campionato: arbitra l’illustre coppia Alperan-Scevola.

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pressano torna a vincere, Brixen KO

È una risposta netta quella che dà la Pallamano Pressano CR Lavis nella settima giornata diGiongo contropiede andata del campionato di Serie A maschile. Al Palavis, tra il calore del pubblico amico, ad arrendersi sotto i colpi dei gialloneri è la Forst Bressanone, team giovane ma sempre temibile, anch’esso a quota sei punti come i gialloneri prima di questo match. Gli altoatesini non sono mai stati in partita, bloccati fin dai primi minuti da un buon Pressano, privo dell’infortunato centrale Chistè ma abile a reagire soprattutto psicologicamente alla sconfitta di Merano patita due settimane fa. Trascinati da un incontenibile capitan Giongo, i ragazzi di Dumnic hanno saputo dettare ritmo e legge per tutti i 60′ grazie ad una bella difesa e ad un attacco prolifico, chiudendo con un sonoro e tondo 31-21. Il match vede subito partire a razzo i padroni di casa che dopo appena 5′ si trovano sul 3-0: una difesa energica e un Sampaolo molto positivo fin dal primo minuto garantiscono sicurezza ai padroni di casa che, col passare dei minuti, contengono le velleità ospiti e colpiscono inesorabilmente in attacco la porta difesa da Pfattner. Raggiunto il 7-2 Brixen prova a tornare sotto con l’abile pivot Mairvongrasspeinten, bravo ad eludere la difesa di casa: qualche episodio permette agli ospiti altoatesini di rimanere in partita ma nella parte centrale del primo tempo, sul +4, Pressano trova in capitan Giongo il miglior supporto. L’ala sinistra giallonera si fa beffa di Pfattner e con una serie di reti pregevoli ed una percentuale altissima al tiro, tiene Pressano sempre avanti nello score. Passato il momento di calo, i ragazzi di Dumnic tornano ad accelerare e con un paio di staffilate di Silva ecco che il 16-10 di fine primo tempo è servito e gli ospiti vedono sfumare il tentativo di rimonta.

Nei primi minuti della ripresa Brixen risulta più preciso e torna sul -4 ma Pressano è tanto freddo quanto spietato e lo score indica sempre i gialloneri avanti di 5-6 reti, che potevano essere ben di più eliminando qualche pallone perso in fase di costruzione. I locali non sono mai in pericolo, tengono bene ed il tempo scorre a favore dei padroni di casa, trasportando lentamente Pressano verso i tre punti; anche la difesa continua a lavorare bene e Pressano schizza avanti definitivamente nell’ultimo quarto d’ora di match. Gli ospiti altoatesini provano a concludere verso Sampaolo con i terzini ma il portiere di Chiaravalle è sempre attento e il risultato non è mai in bilico. A turno tutti i gialloneri in campo bucano la porta avversaria fino al +11 che chiude i conti a pochi minuti dalla fine. Nel finale spazio anche ai giovani gialloneri Franceschini, D’Antino, Chistè, Moser e Martinati. Si chiude 31-21 il match, uno score tondo che lancia Pressano verso il derby di sabato prossimo contro Mezzocorona. Servirà ora continuità da parte dei ragazzi di Dumnic per tornare ai livelli sperati: gli ingredienti ci sono, ora dovrà parlare il campo.

h 19:00 | Pressano – Forst Brixen 31-21 (p.t. 16-10)

Pressano: Martinati, Bolognani 4, Chisté W, Chisté D, D’Antino, Di Maggio 3, Sampaolo, Moser, Giongo 10, Franceschini, Opalic, Dallago 4, Alessandrini 3, Da Silva 7. All: Branko Dumnic

Forst Brixen: Pfattner, Kokuca 8, Mairvograsspeinten 5, Bacher, Giuliani 2, Dejakum 1, Mairegger, Salcher 2, Kovacs 2, Dorfmann, Wierer, Ranalter 1, Noessing, Hellweger. All: Michael Niederwieser

Arbitri: Regalia – Greco

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pressano, contro Bressanone per invertire la rotta

Di Maggio urloScende in campo determinata la Pallamano Pressano CR Lavis dopo il weekend di sosta per gli impegni della nazionale. Il campionato di Serie A maschile riprende con la settima giornata d’andata e per i gialloneri si presenta la terza ed ultima avversaria altoatesina, la Forst Bressanone. Tra soste e trasferte, i gialloneri non giocano al Palavis da un mese ed oggi l’occasione per calcare nuovamente il parquet amico si ripresenta; il periodo tuttavia non è dei più facili per Dumnic e ragazzi. Dopo la sconfitta di Merano, la Pallamano Pressano ha bisogno di voltare pagina: in primis per interrompere il periodo negativo e dare nuova linfa al morale giallonero, in secondo piano anche per tentare l’accesso alla Coppa Italia. Di fronte non ci sarà una squadra materasso, anzi. Il Bressanone, allenato da Michael Niederwieser dopo la parentesi di Trillini la scorsa stagione ha da quest’anno aperto una parentesi di riforma all’interno della squadra. Team interamente made in Brixen e obiettivi ridimensionati ma ambizioni sempre consistenti: eccetto Filiberto Kokuca, ogni atleta a disposizione di Niedewieser viene dal vivaio. Ottimo spazio dunque per schierare e formare le ossa ai giovani biancoverdi che verranno affiancati dall’esperienza di Giuliani, Kokuca e Dejakum, assieme ai già ben impiantati Salcher, Sader e Ranalter. Una squadra completa e molto affiatata che però dovrà fare a meno della propria punta di diamante Sonnerer, giovane ala destra reduce dalla rottura del crociato pochi giorni fa.

Di fronte ci sarà un Pressano al completo, determinato a non far passare nessuno al Palavis e desideroso di vittorie per raddrizzare un campionato partito male. Anche i precedenti sono a favore dei gialloneri: nelle ultime due stagioni, Giongo e compagni hanno vinto cinque volte in cinque match ufficiali e l’intenzione è quella di proseguire nella striscia positiva. Quello del Palavis sarà un incontro interessante che si prospetta vivace ed intenso: la verità la dirà il campo, con le due squadre pronte a darsi battaglia a partire dalle 19.00 davanti al caloroso pubblico con la conduzione arbitrale della coppia Regalia-Greco. La partita sarà inoltre palcoscenico per l’iniziativa “Photografica”, adottata dal progetto giovanile dell’APPM ONLUS “L’Area Sport”. Una decina di ragazzi del centro giovanile L’Area assisterà al match e contribuirà a dare un importante aspetto sociale allo sport ed in particolare al lavoro della Pallamano Pressano.

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra